martedì 31 luglio 2018

Aiguille du Peigne - *Fermeture éclair*

Giornata esplorativa insieme a Riccardo B., alla ricerca di refrigerio su pareti ombreggiate e di vie non ancora percorse. Oggi, sulla parete Sud Ovest del Gendarme Rouge 3078 m dell'Aiguille du Peigne, abbiamo scalato *Fermeture éclair* (380 m, ED, 6c+ max, 6b obbl.), un itinerario datato 1989 che porta la firma di J.L. Amstutz, G. Long e R. Vogler. Si articola indicativamente sul lato destro della parete e si fa spazio tra *Maillon manquant* e la *Devouassoux - Mazino*. È la via più corta della zona (9 tiri), in quanto termina su una spalla della cresta Ovest; si può comunque scalare fino in cima al Gendarme Rouge, percorrendo gli ultimi tiri di *Maillon manquant*.
Su questo itinerario non abbondano certo le informazioni: si trovano alcune relazioni molto approssimative o con gradazioni discutibili. Per alimentare ulteriormente la confusione, aggiungo anch'io il mio topo con una relazione "secondo me"... frutto di una ripetizione interamente da capocordata, onsight su tutti i tiri.
Al di là di considerazioni più o meno futili, c'è da dire che si tratta di un percorso molto omogeneo ed estetico, con alcune lunghezze veramente belle; menzione speciale per L6 e L8.
A complemento del tracciato sulla foto, scrivo alcune indicazioni utili a non perdersi per coloro che non conoscono bene la parete.
L1: diedro di destra con sosta visibile in alto (2 resinati + catena), in comune con *Maillon manquant*;
L2: dirigersi a destra verso la vecchia sosta originale alla base di un diedro diagonale verso destra, che si raggiunge con un passo in placca protetto da un fix (placchetta Simond); saltare la sosta e proseguire fino alla cengia dove passa la via *Contamine - Vaucher* (sosta con un chiodo e un archeo spit);
L3: dritto sopra la sosta, seguire la linea di fix a destra;
L4: un po' a destra sul facile per individuare la linea di fix (pochi e poco visibile) su un muretto discontinuo;
L5: verso destra, un passo difficile per ribaltarsi su un grosso masso (fix) poi un altro passo simile ma più facile per arrivare in sosta.
L6: due fessure contigue parallele su una sorta di speroncino a destra di un enorme diedro;
L7: nettamente a sinistra per andare a reperire la linea di fix che porta alla difficile sezione finale (un passo di 6c+ stile boulder con lancio per raggiungere una presa piatta ma buona;
L8: fessura inizialmente da proteggere poi attrezzata a fix che porta sotto un tetto; si passa attraversando sempre a destra su prese molto buone e provvidenziali knobs per mani e piedi;
L9: stupenda fessura americana che conduce, con un passo obbligatorio su knobs, ad un tetto da cui si esce a destra per percorrere gli ultimi metri della via in un diedro con qualche vecchio chiodo.

Materiale: 2 corde da 50 m, 10 rinvii, 1 set completo di friends da #.1 X4 a #3 C4 BD.
Esposizione: Sud Ovest, sole nel pomeriggio.
Avvicinamento: in circa 45 minuti dal Plan de l'Aiguille, utili i ramponi per il breve nevaio che conduce all'attacco.
Discesa: in doppia lungo *Maillon manquant*.

Arrivo in sosta su L2.
Sguardo dall'alto sulla bellissima L6.
Riccardo B. si appresta a salire l'ultima difficile sezione di L7, che presenta un passo singolo stile boulder proprio alla fine.
Vista panoramica su L8: fessura, traverso a destra e breve strapiombo su buone prese... bellissimo!
Ultimi metri della via, al sole.
Doppie lungo *Maillon manquant*.
Il topo... "secondo me" :-)

domenica 29 luglio 2018

Lillaz - Colle dell'Arolla - Punta Tsesère - Colle dell'Arolla - Lago di Loie - Lillaz


Bel giretto pomeridiano alla ricerca di luoghi selvaggi dietro casa. La Valle di Cogne, oltre i 2000 metri di quota offre angoli solitari a poca distanza dalle solite mete frequentate.
Oggi, approfittando di un giro a piedi ad anello da Lillaz - passando per il Colle dell'Arolla - abbiamo percorso anche l'estetica cresta Sud della Punta Tsesère. Si tratta di un simpatico itinerario di alpinismo facile (PD) costituito da una serie di passaggi interessanti su grandi blocchi squadrati di buona qualità: l'interesse, ovviamente, è relativo ad un percorso sul filo di cresta... tutti i passaggi più impegnativi sono infatti aggirabili per cenge sul versante Ovest.
Ciliegina sulla torta, il bagno nel Lago di Loie con acqua non così fredda come si potrebbe pensare.